Web Agency Milano: Realizzazione siti Web, SEO, social media marketing, Web design e strategie digital per il tuo rilancio on line
2Waycom
 

Blog - 29/03/2016

Pagare con un selfie

Tra poco sarà possibile con Amazon


Pagare con un selfie

Perché la nostra faccia non può essere rubata.

Non è uno scherzo, la moda del momento può essere una soluzione alternativa efficace e sicura all’autenticazione con password.

Il mese scorso è stato il turno di Mastercard che in Inghilterra ha confermato l’accettazione di pagamenti tramite selfie e impronte digitali. Gli smartphone con Microsoft Windows 10 e gli smartphone Android già permettono agli utenti di sbloccarli tramite telecamera. E ancora Apple Pay, Samsung Pay e Android Pay hanno da poco iniziato a permettere ai consumatori di pagare usando lo scanner delle impronte digitali.

Al centro c’è sempre una questione di sicurezza. Troppe persone, pensiamoci bene, utilizzano una manciata di password per tutto, qualcuno persino ne ha una sola.

La nostra faccia non può essere rubata.

Il brevetto depositato dal gigante del retail online spiega così questa scelta. Si parla di fail-safe method alternativo all’autenticazione con password.
Per ovviare ai sistemi di riconoscimento facciale o al fatto che un hacker possa salvarsi una fotografia dell’utente, Amazon farà autenticare la persona in due step (vedi foto): il primo selfie stabilirà l’identità, il secondo stabilirà con certezza l’autenticità. Il sistema infatti chiederà di fare l’occhiolino o di muovere la testa verso destra o di compiere un’altra azione determinata.

Moltissime società in ambito e-commerce e società di servizi finanziari in America hanno già adottato il nuovo sistema.

Questo tipo di procedimento consentirà anche un più rapido check out, snellendo la procedura d’acquisto.
Da smartphone renderà tutto più semplice e veloce in quanto, alcune volte, la digitazione di user e password su tastiere piccole non è per nulla facile. E, ancora, toglie dall’imbarazzo di spostarsi un po’ più in là da amici, familiari, colleghi quando si ha la necessità di digitare la propria password.
Pensandoci, capita anche a noi.

2Way Com: c’è sempre un altro punto di vista.