Web Agency Milano: Realizzazione siti Web, SEO, social media marketing, Web design e strategie digital per il tuo rilancio on line
2Waycom
 

Blog - 28/04/2016

L'amore ha un prezzo.

Ai tempi del web è anche piuttosto caro.


L'amore ha un prezzo.

Sono tanto semplici gli uomini e tanto obbediscono alle necessità presenti, che colui che inganna troverà sempre chi si lascerà ingannare. (Niccolò Machiavelli, Il principe, 1513)

È successo di nuovo, ma vogliamo davvero stupirci?
E allora stupiamoci.

Beautiful People è stato hackerato: i dati di 1,3 milioni di utenti sono stati venduti al mercato nero del cybercrimine.
Il sito a cui era ammessa “solo bella gente” - votata da beautiful people già dentro (con esclusivi criteri estetici, ovvio) - non ha più segreti: peso, altezza, lavoro, numeri di telefono, preferenze sessuali degli utenti che hanno aderito fino a Luglio 2015 sono stati svelati.
Ovviamente la società si discolpa, motivando che erano dati reali sì, ma su un server di test (bravi, bella scelta) e di utenti iscritti fino a Luglio 2015 (che sollievo, eh?), già avvisati. Menomale.

Insomma, come non aspettarselo? C’è da chiedersi chi sarà il prossimo.

Infatti, l’appeal che hanno questo tipo di dati è impressionante. Intanto sono moltissimi: nomi, cognomi, email, indirizzi personali e di lavoro, professione, età, altezza, peso, caratteristiche più che intime, foto… e un bel numero di carte di credito pronte a matcharsi con questi dati.
Qualche algoritmo, la magia della geolocalizzazione e il gioco è fatto.
E continuiamo a scandalizzarci! Aiuto, vogliono rubarci l’identità!

Qualche mese fa due grandi colossi internazionali erano stati violati, parliamo del network di Ashley Madison e di AdultFriendFinder.com
Ashley Madison: un disastro informatico e umano. I dati di oltre 30 milioni di utenti messi online.
Tre suicidi.
Gli indirizzi email pubblicati però non provano che i loro proprietari siano dei traditori potenziali o effettivi. E nemmeno che si siano iscritti al sito. Questo perché Ashley Madison non validava gli indirizzi email inseriti. Poteva essere un errore, persino uno scherzo o un dispetto.

AdultFriendFinder.com conta più di 63 milioni di iscritti: svelati i dati di solo 3,5 milioni di utenti.Un duro colpo per quella che si definisce “la più grande comunità di incontri di sesso e scambisti”.
Gli hacker hanno quindi pubblicato questi dati che includevano anche l'orientamento sessuale e le preferenze degli utenti, per esempio la volontà di avere rapporti extraconiugali, oltre a indirizzi e-mail, username, date di nascita e codici di avviamento postale.
Già, chissà se no cosa avrebbero potuto pubblicare...

Il fatto è che siamo sempre allo stesso punto! Il problema di privacy e sicurezza è centrale. Gli standard adottati, proprio perché standard, non bastano. E sarà sempre peggio.
Certo gli utenti - per poca dimestichezza con il web, per leggerezza… o forse per la incontenibile fretta - non pensano a tutelarsi con banali regole di buon senso.

Non solo. Esplode il cataclisma e non si ferma. Subito dopo nascono siti come Trustify che promettono di fare una ricerca sul proprio indirizzo email per vedere se faccia parte di quelli diffusi su internet.
Anche questo è mercato nero: Troy Hunt, ricercatore di sicurezza per eccellenza, ha chiarito come Trustify mandi delle email a persone il cui indirizzo sia stato cercato da qualcuno nel proprio motore di ricerca, salvo poi offrire consulenze su come agire o capire quello che sta succedendo. Un modo per rubare altri dati e fare ulteriore business.

Noi siamo al sicuro? Cosa succede in Italia?

Sono più di dieci milioni gli italiani che cercano l’amore o un’avventura sul web, su siti e App. Il 22 per cento degli italiani è iscritto a un sito di dating online, il 10 per cento a due o più siti diversi.
Meetic.it, che vanta una community di sette milioni di single con tremila iscrizioni al giorno, dichiara la nascita di 300 relazioni a settimana. Gli iscritti a Cougaritalia.com, specializzato nel mettere in contatto donne mature e ragazzi giovani, sono 400 mila. Incontri-extraconiugali.com ha 860 mila iscritti ( Fonte: IoDonna )

Numeri impressionanti? Non credo.
Sempre in pista i must have: Meetic, Badoo, Tinder, Happn (100% mobile con geolocalizzazione in tempo reale per non farsi sfuggire l’amore a prima vista), Clover, Grindr (just men), Her e Brenda (just women), Down e adotta un ragazzo. Ce n’è per tutti i gusti.
Alcuni nomi fanno sorridere... ScopaAmica e TrombaAmica. Mica normali siti d’incontri, qui si va dritto al sodo, promettono, per avere una relazione Friend with Benefits!

L’apparenza inganna. Davvero.

2Waycom, c'è sempre un altro punto di vista.

Diritto d'autore: pogonici / 123RF Archivio Fotografico